curcuma
curcuma

CURCUMA: L'ARANCIONE CHE CI PIACE! 

Ehi! Ciao folletti! Io mi chiamo Curcuma!

Negli ultimi anni si sente sempre più parlare di me, una pianta della tradizione indiana che appartiene alla famiglia delle Zingiberacee -come lo zenzero- ed una pianta perenne con rizoma, una radice grossa e rotonda che contiene la maggior parte dei miei principi attivi.

Sono una pianta molto bella anche a livello ornamentale, ho foglie lunghe ed infiorescenze rosate che contengono i fiori dal rosa al giallo.

curcuma

Sono originaria dell'Asia sud-orientale e vengo utilizzata soprattutto come spezia nella cucina indiana ed asiatica in genere, come parte del Curry, ma anche come pianta per tingere i tessuti.

Cresco in modo spontaneo nelle zone dell’India e della Malesya, con climi tropicali e tanta pioggia. Vista l’attuale richiesta, ora vengo anche coltivata a scopo medicinale con accurata selezione di specie ad elevata attività terapeutica. E l’India è attualmente il mio maggior produttore.

Il mio rizoma arancione è ricco di curcuminoidi come la curcumina, ma anche di composti volatili come il curcumolo, lo zingiberene ed il  ß-turmerone...tutti nomi chimici molto complicati che fanno riferimento però tutti alla grande categoria degli antiinfiammatori e degli antiossidanti.

Il mio colore giallo-arancio intenso mi ha permesso di essere una delle piante più utilizzate nella tradizione tintorea ed anche nella colorazione alimentare con la sigla E100.

Che poteri ho?

Beh, qui mi utilizzano in polvere sulle ferite per cicatrizzare tagli e guarire piaghe, oltre che sulle punture d’insetto e nelle forme di dermatite atopica.

Ho un altissimo potere anti-infiammatorio e vengo assunta per combattere  dolori articolari e febbre da influenza, sono ricchissima di antiossidanti e, oltre a ridurre l’invecchiamento, vengo utilizzata per il mio effetto antitumorale.

Pensate che sono così preziosa che riesco a combattere ben 8 tipi di tumore e contrastare l’insorgere della leucemia!

Per quanto riguarda il mio uso come spezia, la tradizione indiana mi aggiunge alla miscela del Curry, per la mia capacità di stimolare la produzione di bile, migliorando la digestione e favorendo l’abbassamento del colesterolo. Proprio per questo devo essere assunta con cautela di chi ha problemi alla cistifellea.

Le mie dosi?

Per un effetto digestivo ed antiossidante ne bastano 2 cucchiaini al giorno, per aumentare il mio potere devo però avere un estratto standardizzato. Questo vuol dire che per fare effetto devo arrivare integra nell’intestino superando la barriera acida dello stomaco e questo può avvenire solamente se mi lego ad una parte grassa oppure ad un altro estratto in grado di aiutarmi a svolgere la mia azione. Per questo mi trovate spesso insieme al Pepe nero oppure nei cibi disciolta negli olii di cottura!

Per quanto riguarda il famoso Golden Milk, una bevanda a base di latte, miele e del mio estratto in polvere, è un vero e proprio corroborante!

È una bevanda di tradizione antichissima che vi consiglio al mattino per una giusta carica oppure la sera per togliere la fatica della giornata.

Preparate prima la pasta di curcuma con:

130 g di acqua bollente, 40 g di curcuma in polvere e 1 pizzico di pepe nero

Questa ci servirà per circa 30 tazze ed è da conservare i frigorifero per massimo 1 mese.

Ogni volta che vorrete fare il golden milk, basterà aggiungere un cucchiaino di pasta al latte bollente e dolcificare con un cucchiaino di miele!

Spero di avere esaurito tutti i vostri dubbi sulle mie proprietà…se avete altre domande mi trovate sempre disponibile alla mail erbettefollette@gmail.com !

Se volete un consiglio sul golden milk già miscelato con aroma vaniglia guardate qui, mentre se volete un estratto ottimo per le proprietà anti-infiammatorie cliccate qui!

A presto folletti!

t